Se vivete in una vecchia casa e avete intenzione di installare un sistema di automazione domestica, sappiate che non dovrete necessariamente fare grandi lavori, a seconda del tipo di sistema scelto. Si tratta di informazioni importanti, soprattutto se si considera che la domotica sta diventando sempre più importante in casa.

Che cos’è la domotica?

La domotica riunisce tecniche e tecnologie elettroniche e informatiche, nonché mezzi di telecomunicazione, che consentono di migliorare le attività all’interno di una casa. Con l’aiuto di sensori integrati nella casa, è possibile conoscere :

  • La temperatura di ogni stanza.
  • Lo stato delle aperture di porte e finestre.
  • Luci accese.
  • Camere occupate.
  • ecc.

L’obiettivo della domotica è migliorare la vita quotidiana, ma anche consentire agli utenti di risparmiare fino al 20% sulle bollette energetiche. Questo tipo di dispositivo consente di controllare il riscaldamento a distanza, il che può essere utile quando si va in vacanza. Non è più necessario lasciare i termosifoni sempre accesi, basta accendere il riscaldamento un po’ prima del rientro, in modo da trovare la temperatura giusta al momento dell’arrivo.

Quali sono i lavori necessari per installare un sistema domotico?

Alcuni sistemi di automazione domestica richiedono lavori di ristrutturazione, a seconda che il sistema sia cablato o wireless.

Un sistema di automazione domestica cablato, come KNX, è ovviamente l’ideale. Questo tipo di sistema è preferibile in caso di ristrutturazioni importanti, poiché richiede la posa di cavi in tutta la casa. Se decidete di eseguire l’installazione da soli, probabilmente avrete bisogno dell’attrezzatura giusta per integrare le nuove scatole nelle pareti, ad esempio con un trapano Makita, creare nuove trincee, ecc. Può anche essere necessario interrompere il pavimento o una parete per poter installare correttamente il cablaggio. .box-4-multi-173{border:none !important;display:block !important;float:none;line-height:0px;margin-bottom:15px !important;margin-left:0px !important;margin-right:0px !important;margin-top:15px !important;max-width:100% !important;min-height:250px;min-width:250px;padding:0;text-align:center !important;}

A volte è necessario adeguare le tubature e gli ingressi dell’acqua a un sistema di tubature moderno. Non dimenticate di integrare la domotica, per esempio per controllare l’erogazione dell’acqua e monitorare i consumi. Anche in questo caso, se si esegue il lavoro da soli, è necessario disporre degli strumenti necessari (la sega circolare Makita è particolarmente utile). Con questo tipo di installazione è possibile rilevare perdite e altri problemi legati all’acqua.

Rete wireless e casa vecchia

Un’altra possibilità è quella di installare una rete domotica wireless. In questo modo, non è necessario alcun intervento di rilievo. Tutto ciò che occorre fare è installare un router wireless in casa, o preferibilmente una centralina domotica che utilizzi un protocollo dedicato, come Zwave o ZigBee, ad esempio. La maggior parte di questi sistemi funziona non appena vengono installati e collegati. Tra questi vi sono le lampadine collegate, ma anche il riscaldamento e le prese elettriche. Il dispositivo di automazione domestica più diffuso è probabilmente il termostato connesso. Funziona tramite un’applicazione e consente di regolare la temperatura della casa in tempo utile. Attenzione però allo spessore dei muri: alcune vecchie case hanno muri molto spessi, che possono rappresentare un problema per la trasmissione di dati wireless. In questo caso, dovrete ricorrere a un’installazione cablata o, nel peggiore dei casi, a un’installazione tramite PLC (power line carrier che utilizza le linee elettriche esistenti).

Cosa considerare quando si installa un sistema di automazione domestica

Installare la domotica in una vecchia casa è quindi un modo per risparmiare diversi tipi di denaro. Ma soprattutto è necessario tenere conto delle proprie esigenze, per determinare quale attrezzatura sia necessaria. La questione della sicurezza può avere la precedenza sul comfort, ad esempio. Ma l’uno non esclude l’altro. Così, ad esempio, i rilevatori di presenza installati per la sicurezza (avviso in caso di rilevamento della presenza quando viene attivato l’allarme) possono essere utilizzati anche per il comfort e il risparmio energetico (luci spente quando nessuno è presente nella stanza). L’importante è stabilire le proprie esigenze e poi studiare le possibilità tecniche.

Per ulteriori informazioni sulle possibilità e sui metodi, consultate queste guide:

  • domanda 1508144413 e1508144447956Che cos’è la domotica?
  • reflechir 1508144129 e1508144172118Come posso rendere la mia casa più sicura?
  • banconote in euro 1508143495 e1508143534517Quanto costa la domotica?
  • scelta 1508142939 e1508143016487Come scegliere la soluzione domotica?
  • Guida alla domoticaLa guida alla casa e agli oggetti connessi
  • Scegliere la domotica infografica[INFOGRAPHIE] Scegliere la soluzione domotica giusta

Physical Address

304 North Cardinal St.
Dorchester Center, MA 02124